Benvenuti nel mondo della bellezza

Amo collezionare creme e cremine, curiosare tra gli scaffali delle profumerie in cerca di novità, giocare con le matite e le palette di colori, fare massaggi rilassanti all'aroma di lavanda. Ma anche scrivere, cantare, andare in montagna, leggere. Complici tanti anni di esperienza giornalistica nel settore beauty&wellness ora è arrivato il momento di... ammaliare anche il web!
Lauretta

domenica 9 aprile 2017

Ogni riccio...

Una volta si diceva "Ogni riccio, un capriccio". Oggi, boccoli più o meno ribelli permettendo, il capriccio è rappresentato dal mondo del colore. Guai a presentarsi dal parrucchiere chiedendo una classica tinta piatta. Blorange, broux, bronze, metal, pastello e tiger eye sono solo alcune delle proposte cromatiche di tendenza nelle ultime stagioni. Eppure, anche queste sfumature più o meno eccentriche stanno per percorrere il viale del tramonto. Perché, rullo di tamburi, ora vanno di moda i capelli effetto multicolor. Le nuances più amate? Quelle pastellate di rosa, azzurro e viola. Naturalmente non solo su ciocche sparse (troppo old fashioned) ma su tutta la testa, frangia e lunghezze comprese. L'estate del 2015 si inneggiava agli unicorn hair con chiome stile cartoon davvero sopra le righe. Oggi, strizzando l'occhio alla sobrietà, gli accenti si fanno meno decisi e in qualche modo bon ton. Una tentazione a cui cedere? Staremo a vedere.

I capelli grigi sono i graffiti di Dio, B. Cosby

sabato 1 aprile 2017

Fare l’estetista: consigli di bellezza e serietà professionale

La primavera è iniziata da poco, ma già ci ritroviamo a modificare il nostro look prediligendo colori chiari, abiti più freschi, trucco leggero. Il sole della bella stagione illumina tutta la nostra persona di una luce nuova e non dobbiamo farci trovare impreparate: perché primavera significa anche bellezza, cura del corpo, benessere.

Non a caso in questo periodo dell’anno capita di dover ricorrere più del solito alla consulenza preziosa di chi fa dell’estetica non solo un mestiere, ma una vera missione quotidiana. Solo chi possiede le giuste competenze professionali sa consigliare i trattamenti migliori per far apparire il corpo nel massimo del suo splendore. L’estetista è quindi non solo una specialista, ma una persona di fiducia, sempre pronta a soddisfare la clientela raggiungendo i risultati sperati.
Ma come si diventa estetista
Frequentando un valido corso professionale di due anni – che consente di ottenere il titolo di estetista qualificata – con l’eventuale aggiunta di un terzo anno per acquisire il diploma di estetista specializzata. Chi riceve questo tipo di formazione può trovare impiego presso centri estetici, spa, centri benessere, palestre, hotel e molto altro. E a chi completa il triennio di studi è riservata la possibilità di aprire un’attività in proprio. 
 
I corsi per estetista affiancano alle lezioni teoriche la pratica costante. Solo questo tipo di impostazione didattica permette di prendere fin da subito dimestichezza con le mansioni richieste dalla professione. Un percorso di crescita in cui non si smette mai di imparare: perché fare l’estetista significa anche mantenersi sempre aggiornate sulle tecniche più innovative e i servizi più ricercati. Dalla manicure alla ceretta, dalla pulizia del viso ai massaggi: un mondo da scoprire. 
La Bellezza non può essere interrogata: regna per diritto divino.
(Oscar Wilde)
 

martedì 21 marzo 2017

Un bagno nel bosco

Abbandona il caos cittadino e recati in un bosco. Cammina lentamente. Guardati intorno e respira con calma. Fatti "coccolare" dai raggi del sole filtrati dalle piante. Ecco i principi del Shinrin-yoku. Si tratta di una pratica diffusa in estremo Oriente, Giapppme in primis, inserita a pieno titolo tra i pilastri della medicina preventiva. Nel paese più tecnologico del mondo, dove ogni abitante possiede almeno una macchina, un paio di smartphone e un laptop, dal 1982 i medici suggeriscono ai propri pazienti di prendersi un’ora al giorno per farsi uno Shinrin-yoku ovvero un bagno di bosco.
È ormai noto che una passeggiata rilassante, lontana dal caos cittadino, abbatta lo stress e diminuisca la pressione alta. Ma non solo. Camminare "in mezzo al verde" fa molto di più. Gli alberi, infatti, rilasciano dalle foglie e dalla corteccia resine e oli essenziali di cui sono ricche e che rinforzano il sistema immunitario, rilassano e abbattono lo stress.
“Ci troviamo così bene nella libera natura,
perché essa non ha alcuna opinione su di noi”
(Friedrich Nietzsche)

martedì 14 marzo 2017

Slush Treatment.... what's?

Sembra che il segreto di bellezza di Kendall e Kylie Jenner sia un trattamento a base di ghiaccio secco e acetone, "miracoloso" nei confronti di acne e macchie cutanee.
Si chiama Slush Treatment e consiste nell'uso di "neve carbonica", in pratica il freddo di circa -79 gradi sprigionato dall'anidride carbonica allo stato liquido.

Con una garza imbevuta di acetone, la "neve" viene passata sulle zone della pelle da trattare per 5-10 minuti a seconda delle patologie che la interessano.
Il passaggio della garza causa una leggera dermoabrasione alleggerendo la pelle delle cellule cornee morte e in eccesso, mentre il freddo intenso della "neve" determina una chiusura dei vasi capillari superficiali e anomali.

Gli esperti sostengono che questo trattamento può rivelarsi utile in caso di acne, calvizie, couperose, rosacea e ringiovanimento cutaneo, con supporto di sieri da applicare con puntualità. Ma, sottolineano, si tratta di una metodica in uso nel passato e in parte superata dall'avvento di laser e luce pulsata.

sabato 11 marzo 2017

Madonna... che esagerata!

Il personal trainer di Madonna, tal Stacey Griffith, ha rivelato che la 58enne cantante statunitense si dedica all'attività fisica per ben 5 ore al giorno no stop. Il suo fisico parla chiaro. Tonico, scolpito e probabilmente senza un filo di cellulite, fa invidia a molte coetanee e colleghe (ma non solo) che non potranno mai indossare i suoi stessi body minimalisti con nappine svolazzanti ognidove. Ora, con la primavera alle porte e l'estate all'orizzonte, esempi così virtuosi fanno un po', come dire, invidia. Ma, a dirla tutta, lasciano anche il tempo che trovano. Personalmente oltre mezz'ora di camminata al giorno (la sera, prima di cena) e un'ora di Pilates a settimana, non vado. Il fisico non è affatto decadente nonostante le mie quasi 48 primavere e la mente ringrazia. Dunque, la domanda nasce spontanea: Lady Ciccone perché affannarsi tanto?